Una storia semplice – Quinta parte

/, Mind's Extension/Una storia semplice – Quinta parte

Una storia semplice – Quinta parte

Io vi capisco, capisco che leggere di caprette che giocano con delle ruspe, o del vento che parla con bambini e animali, pony che sembrano poltrone o oche che soffiano siano tutte cose alquanto strane. So che vi state chiedendo se la mia storia sia frutto di tanti sogni ed immaginazione. In verità, alla fattoria, il confine tra favola e realtà è un po’ confuso, perchè i fatti , a volte, riescono davvero a superare la fantasia, come le galline che dormono in bicicletta per esempio!! incredibile! Basta davvero poco per rendere magica una giornata, un pochino più di silenzio e tanto spirito di osservazione e allora magari anche a voi può capitare qualcosa di fatato e surreale, quel pizzico di assurdo che rende un po’ inebetiti per poi farvi esplodere in un sorriso sincero.

Vero è, che in mezzo ai prati e con tanti animali è più facile che avvengano cose un po’ pazze, ma di certo anche a casa vostra ospiterete qualche essere strano, come per esempio, i nanetti verdi. Come chi sono i nanetti verdi? Effettivamente anch’io non li ho mai visti, perciò non so se davvero siano verdi, ma tutti li chiamano nanetti verdi quindi deduco che qualcuno avrà controllato il loro colore.

In casa di Viola e Leonardo c’è una famiglia intera, forse anche qualche cugino perchè di dispetti ne fanno tantissimi, ma la cosa che fa più divertire i bambini è che la vittima dei loro continui scherzi è papà. Il loro gioco preferito è quello di nascondere le cose, se non addirittura spostarle da un posto all’altro, visto che sono davvero piccoli riescono a non farsi vedere e a muoversi velocemente, allora Leonardo strilla perchè non trova i ciucci, la Viola cerca le sue scarpine sotto i letti, ma chi davvero si arrabbia di più è papà. A lui nascondono davvero tutto e tutti i giorni, capite anche voi, che un bel gioco dura poco, ma questi nanetti proprio sono davvero super monellissimi, anche se alla mamma, il papà che borbotta mentre cerca le cose, fa davvero ridere.

Vero che anche a casa vostra ci sono i nanetti verdi?
Ogni giorno potremmo raccontare di aver vissuto un momento magico, o di aver visto o sentito una bella storia, vera e forse anche più bella di qualsiasi favola, Leonardo e Viola la scorsa mattina aprendo la finestra sono riusciti a dare il buongiorno ad un leprotto seduto a pochi passi da loro, e poi una rondine, invidiosa della lepre, ha voluto salutare i due briganti entrando direttamente in casa mentre bevevano il latte.

Quando mamma, papà, Leonardo e Viola hanno visto Blind scendere dal furgone non hanno visto un semplice puledro di 2 anni ahimè cieco, era Hidalgo, il cavallo leggendario fiero e forte che vinse la gara più dura e faticosa del mondo in Arabia lunga 3.000 miglia chiamata “ Oceano di fuoco”. Il portamento, la fierezza, la voglia di libertà nascondono totalmente quello che, alcuni chiamerebbero difetto. Potrete sicuramente immaginare la bocca aperta di Leonardo, il sorrisetto soddisfatto di papà, la gioia di mamma, ma non potrete mai immaginare l’espressione di Viola. Vi ricordate il suo amore per i volatili? Sparito! E’ bastato uno sguardo a Blind per innamorarsene. E’ alto, marrone, la criniera selvaggia nera, ride, ascolta le tue richieste, è coccolone, è libero, vuole correre, vuole essere amato e dimostrare ciò che è in grado di fare, lui, un semplice puledro cieco.

E’ entrato nel suo box, accogliendo le coccole di tutti come ringraziamento per la bella cameretta e tranquillo si è messo a mangiare il suo fieno. Tutti i giorni Viola e Leonardo portano una mela o una carota al loro eroe, appena lo chiamano Blind arriva e si ferma sempre a pochi centimetri dalla mano di Viola, lei, nonostante sia davvero grande, si arrampica sempre alla staccionata pur di toccarlo e il nostro cavallo non si è mai permesso di far spaventare i bimbi in alcun modo. Sono proprio felici della scelta di papà… un po’ meno della bizzarra sorpresa che hanno ricevuto lo stesso giorno dell’arrivo di Blind.
Erano tutti presi nell’osservare Hidalgo travestito da Blind, che nessuno si è accorto del rumore di zoccoli che arrivava dal furgone.
Ma ecco che un fortissimo e sgraziatissimo iiiiiiiiiiiiiioooooooooooo ha immediatamente fatto girare la testa a tutti.

2016-12-07T10:27:06+00:00 Categories: Design, Mind's Extension|